AUSTRALIA,  Curiosità,  PERTH,  POUCHAROOS, STORIE D'AUSTRALIA

Australia, ho scelto te!

Nasce sempre così il pensiero creativo, in volo.
Ed è così, infatti, che ho scelto l’Australia.

Ieri stavo tornando a casa, a Perth, dopo una settimana di riposo in Indonesia e, sorvolando il Western Australia, il quadro è stato finalmente chiaro.

Sapete bene quanto io ami la terra rossa, quanta energia mi trasmette e come mi fa sentire al posto giusto.
Ecco, il punto è questo, nonostante avessi già preso la decisione di cui ora vi parlerò, è stato proprio prima di imbarcarmi su quel volo di rientro che tutta la forza che aspettavo di trovare è saltata fuori.

Facciamo un passo indietro.
Quando ho prenotato la vacanza tra Bali e Lombok sapevo che non sarebbe stato un viaggio qualunque.
Stavo partendo per poter rinnovare l’ultima Medicare prima dello scadere del secondo Working Holiday Visa, il visto che mi permette di stare qui in Australia e lavorare.
Questo rientro significava letteralmente passare gli ultimi tre giorni a Perth della mia vita.

E questa sensazione mi uccideva.

Non riuscivo a immaginare minimamente la mia vita lontana da questo posto.
Qui è dove mi sento a casa, dove so di poter realizzare i miei sogni, dove posso essere me stessa.

Sta di fatto che ora si è stravolto tutto!

Prima di partire infatti ho analizzato nuovamente la mia vita, quali fossero i miei desideri più grandi e che possibilità reali avessi avuto se fossi tornata in Italia allo scadere del visto.

Vedevo nero.

Nulla di quello che sapevo poter trovare una volta rientrata in patria mi faceva passare questa sensazione di disagio.
E in fondo al cuore sapevo bene il perché.

Sogno l’Australia da sempre, da quando sono bambina e l’ho già lasciata andare troppe volte, rischiando di perderla per sempre.
E quando hai un sogno così grande tra le mani, l’universo si mette in moto e ti manda tutti i segnali per farti capire quale sia la strada giusta, sta a noi coglierli e prendere in mano la nostra vita o ignorarli facendo scivolare via il sogno tra le dita.

L’Australia è una volta nella vita, o quasi, se hai la possibilità, devi provarci.


Non è stato facile, ma per la prima volta in vita mia sono riuscita a distaccarmi dalle emozioni concentrandomi in maniera analitica su cosa mi stesse dicendo il mondo attorno a me.

Tutto si è fatto chiaro, limpido, equilibrato.
La sensazione di disagio che provavo da tempo all’idea di andarmene è svanita in un battibaleno ed è subentrata la pace.
Non so bene come spiegarvi il mio stato di calma interiore, credo di averlo provato pochissime volte in vita mia, ma vi assicuro che se dovesse mai capitarvi di avere mente e anima completamente allineate, la sensazione sarà tremendamente surreale.

Sono nel posto giusto, al momento giusto, pronta a mettermi in gioco, per davvero, senza più paure.

Ed è esattamente così che mi sono sentita in aeroporto prima di imbarcarmi per Perth!

Invincibile!

Perché ora so che questi tre giorni non saranno gli ultimi, ma sono l’inizio di un nuovo cammino.
Perth è casa mia e lo sarà per sempre.

Ora ho la possibilità di lottare per rendere tutto questo realtà e non vedo l’ora di ricominciare da zero!

L’Australia ti strega, per davvero, puoi assecondarla o fuggire.

Io ho scelto Lei.

Non so ancora quale percorso sceglierò, o meglio, ho varie idee, un grande obiettivo e piccoli passi da percorrere giorno per giorno.

Il 16 Novembre, quando compirò 27 anni, arriveranno gli aggiornamenti che tanto aspetto in merito ai visti, da lì in poi capirò quale sarà la strada più giusta per me.

Sarà facile? Assolutamente no.

Saranno anni di duro lavoro, nuove conoscenze e tanto impegno mentale ed economico, ma vi assicuro che nulla nella mia vita è mai stato così motivante, così su misura per me.

Finalmente posso dirlo, sto iniziando, oggi, la vita dei miei sogni!

E a tutte quelle persone che mi dicono frasi come “ma non pensi alla tua famiglia?”, “come farai da così lontano?”, rispondo che è questo il motivo più grande che mi spinge a farlo: trovare un modo per poter essere d’aiuto a mia mamma, a mio papà, a mia sorella.
So che da qui posso farlo, tranquillamente, perché se sono felice allora diventa tutto, magicamente, più semplice!

Con queste poche righe uscite di getto, dal cuore, in aereo, mi scuso per l’assenza delle ultime settimane.
Ci vediamo presto con il prossimo articolo tutto dedicato all’Australia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *