ALICE SPRINGS,  AUSTRALIA,  POUCHAROOS, STORIE D'AUSTRALIA

Hiking in Alice Springs

Oggi vi porterò alla scoperta dei migliori hiking da fare ad Alice Springs e dintorni!
Preparate gli zaini, indossate scarpe comode e via, partiamo!

Alice Springs è sicuramente conosciuta come il punto di partenza per le due maggiori escursioni nel Red Centre: Uluru e Kings Canyon, di cui vi parlerò in un articolo a parte.
Molti di voi però non sanno che, a poco più un’ora di guida dalla vivace cittadina, esistono posti incantati che vale sicuramente la pena visitare.

West MacDonnell National Park

Non ho scoperto questi luoghi da sola, ho avuto due grandi guide, oltre che buoni amici, che hanno condiviso con me la passione per le camminate, la ricerca di animali, albe e tramonti, divertimento, caffè e qualche corsa in macchina tra la sabbia rossa che nascondeva le nostre tracce.

Il primo posto in cui vi porto è il West MacDonnell National Park.
Si tratta di un’enorme riserva naturale che si estende per oltre 200km a ovest di Alice Springs.
Non aspettatevi solo un sentiero che attraversa il deserto, West Macs, come lo chiamano i locali, è molto molto di più.
Gole, pareti rocciose che cadono a strapiombo su piscine naturali perenni, viste mozzafiato e il colore dell’ambra ovunque.
Glen Helen Gorge, Ormiston Gorge, Ellery Creek Big Hole sono alcuni dei posti che scopriremo ora assieme con il racconto delle mie avventure!

Glen Helen Gorge

Immaginate di essere seduti in macchina, non un’auto qualunque, una di quelle attrezzate per attraversare il deserto, con i sedili posteriori smontati e riarrangiati ai lati per far spazio a un frigorifero da campeggio, una cassetta degli attrezzi e tutto il necessario per una nuova avventura.
Date le spalle alla strada che vi sta conducendo a destinazione e vi concentrate sul paesaggio che solitamente rimane dietro di voi.
Non vi state perdendo lo spettacolo, lo state vedendo da un altro punto di vista!
All’improvviso lo spazio attorno a te si fa più stretto, guardi fuori dal finestrino e imponenti pareti di roccia arenaria incorniciano la strada.
Siamo quasi arrivati.
Jasper, la mia guida personale per quella giornata, parcheggia davanti al punto ristoro di Glen Helen, ottimo per un Iced Coffee o una mega colazione!

Iced Coffee in Glen Helen
Iced Coffee in Glen Helen

Iniziamo a camminare avvicinandoci alla poca acqua che quel torrido Dicembre offre.
Inizia a piovere. Siamo increduli!
Dopo oltre 12 mesi di siccità il cielo ci delizia con qualche goccia fresca, proprio quando decidiamo di iniziare la nostra scalata.
Sì, avete capito bene! La gente normale visita Glen Helen per tuffarsi nelle sue piscine naturali, noi per arrampicarci sulle rocce rosse durante un temporale.
Se avete un po’ di coraggio e spirito di avventura è sicuramente un diversivo che vale la pena provare!
Seguite il vostro istinto e mantenete un altissimo livello di concentrazione!
E se soffrite di vertigini.. beh non guardate giù!

La nostra scalata inizia con la scoperta di una grotta, apparentemente senza fine. Ci avviciniamo e proviamo ad entrarci.
L’odore acre della carcassa di un gatto selvatico ci fa realizzare che forse non è l’idea migliore addentrarci nella cava, ci proviamo lo stesso, l’umidità all’interno è paurosa.
Si può entrare uno alla volta, strisciando sul terreno.
“Chissà per quanto si estende”, ci chiediamo.. ma non lo sapremo mai.

Continuiamo ad arrampicarci, la vista da lassù è mozzafiato.
L’intenso turchese dell’acqua contrasta vivacemente con il rosso delle rocce circostanti.
L’eco dei tuoni rimbomba nella vallata.
Il silenzio del deserto ti avvolge la mente.
Glen Helen vince così, facilmente, un posto nella top 10 dei miei luoghi preferiti al mondo!

Glen Helen
Glen Helen, Northern Territory
Ormiston Gorge

Risaliamo in macchina.
Pochi minuti di strada, direzione Ormiston Gorge e, a seguire, Ellery Creek Big Hole.
Cinque minuti di passeggiata tra le bianchissime cortecce dei Ghost Gum, una varietà di eucalipto, ci portano alla prima piscina naturale.
Un hiking circolare di 3-4 ore lungo il pendio roccioso vi permette di ammirare Ormiston Gorge da un altro punto di vista.
Noi ci limitiamo a dare uno sguardo in giro.
Siamo ancora provati dalla scalata di Glen Helen quindi ne approfittiamo per prenderci qualche minuto di relax.
Non siamo soli e, per questo, preferiamo spostarci a Ellery Creek dove speriamo di trovare meno gente e più silenzio.

Ormiston Gorge, Northern Territory
Ormiston Gorge, Northern Territory
Ellery Creek Big Hole

Ellery Creek Big Hole è uno degli spot preferiti dai locali durante i caldi giorni estivi.
Acqua fresca, spiagge naturali di sabbia chiara, scogliere che creano un’architettura pazzesca.
Jasper mi racconta sue avventure passate e storie legate a Ellery Creek.
Questa oasi nel deserto è, a quanto pare, protagonista di brutte storie di annegamenti.
Ironicamente penso che stia scherzando, conoscendo un po’ il soggetto, ma poi capisco che sta dicendo la verità.
La pozza d’acqua, oltre ad essere piuttosto fredda, è anche molto profonda.
Questa combinazione letale ha visto, purtroppo, svariati incidenti avvenire tra le sue acque, tra cui un professore in gita con la sua scolaresca.

Questa vena dark che accomuna un po’ chi vive nel deserto da tempo non distoglie la mia attenzione dal paesaggio.
L’unica cosa a cui riesco a pensare è la somiglianza di questa gola con il mio adorato Karijini National Park, in Western Australia e, in qualche modo, torno a casa per un secondo.

Il West MacDonnell National Park offre hiking che possono soddisfare le esigenze di chiunque. Potrete dilettarvi con camminate, campeggio e storie sotto le stelle in uno dei tanti posti attrezzati.
Sul sito del Northern Territory in ogni caso troverete tutte le informazioni a riguardo!

Ellery Creek Big Hole, Northern Territory
Ellery Creek Big Hole, Northern Territory
Passeggiate e Hiking in Alice Springs

Se non avete la possibilità di spostarvi in macchina per raggiungere il West Macs, non preoccupatevi, potrete trovare anche interessanti hiking in Alice Springs!
Vi basterà munirvi di una bicicletta a noleggio, usufruire di uno dei tanti taxi che servono la città oppure chiamare il mio amico Alex e il gioco sarà fatto!

Alice Springs Telegraph Station

Per cominciare non potete perdervi una visita all’antica stazione telegrafica, a soli 4 km da Alice.
Si tratta del primo insediamento europeo, istituito nel 1871 come base per scambiare messaggi tra Adelaide e Darwin lungo la Overland Telegraph Line in Australia.
Oltre a collegare la popolazione con il Nord del Paese, il telegrafo riusciva a mettere in contatto l’Australia con la rete sottomarina britannica.
Pensate che il primo messaggio tra Inghilterra e Australia è stato scambiato il 21 Ottobre 1872.
Oltre che scoprire le origini di Alice e un po’ di storia, all’interno del parco potrete passeggiare, organizzare un buon pic-nic o un BBQ nelle apposite aree e arrampicarvi su una delle tante colline che circondano il sito per aspettare il tramonto!

Telegraph Station, Alice Springs, Northern Territory
Telegraph Station, Alice Springs, Northern Territory
Mount Gillen

Se come me siete appassionati di albe e tramonti, ma soprattutto non vi infastidisce l’idea di svegliarvi nel cuore della notte, armatevi di una felpa e un paio di snacks e iniziate a camminare!
L’alba vista dal Monte Gillen è uno spettacolo imperdibile!
Partendo da Flynn Grave, a circa 7 km ad ovest di Alice, una facile passeggiata di circa un’oretta vi porterà in cima.
Solamente la parte finale vi metterà leggermente alla prova, ma fa parte del divertimento!

Io e Alex abbiamo iniziato la nostra scalata verso le 4 e 30 del mattino, il silenzio rimbombava tra le rocce, solo il fruscio di qualche cespuglio mosso da un rock wallaby, una specie di canguro, ci faceva compagnia.
Raggiungiamo la vetta mezz’ora prima del sorgere del sole.
Il vento fortissimo di quella mattina ha reso difficile ambientarsi all’inizio. Le nuvole nascondevano i primi raggi del sole e, come sempre, quando noi due decidiamo di goderci le bellezze della natura, il tempo non è dei migliori.
La vista che si apre sotto i nostri occhi è comunque strepitosa!
360° di terra rossa, la vastità solitamente impercepibile di Alice Springs, la sensazione di essere al centro del mondo, una mela condivisa e, di nuovo, la pace dei sensi.

Iniziare la giornata così, con un hiking in Alice Springs, per poi ripartire, nuovamente, per una seconda scalata di Glen Helen, seguita da una mega colazione e il famoso Iced Coffee non ha prezzo!
Ancor più sorprendente però è ricevere una foto da Alex, 3 mesi dopo, quando il deserto ha ormai preso vita grazie alla stagione delle piogge.
Quel paesaggio che ho tanto amato, dove il rosso faceva da padrone, ora è una meravigliosa distesa verde.
Quanto darei ora per poter essere là e vederlo con i miei occhi..

Mount Gillen, Alice Springs, photo by Alex
Hiking in Alice Springs, Mount Gillen, photo by Alex
Aperitivo al The Clay Pans

Ora vi starete chiedendo cosa centra un aperitivo in questo articolo e, soprattutto, che posto sia il Clay Pans.
Bene, parlavamo di hiking in Alice Springs, perciò ecco a voi l’ultimate experience che potete provare!
Ingredienti per questa avventura: il mio amico Alex, un paio di birre, del formaggio accompagnato con crostini e deeps, il deserto dopo due giorni di pioggia torrenziale, una macchina bianca da ricoprire di fango e un paio di infradito ai piedi.

Trovare l’ingresso non è così automatico, usate Google Maps inserendo “Ilparba Road” come indicazione, da lì cercate una delle stradine sterrate che vi permettono l’accesso al parco.
Se come noi andrete dopo le piogge il divertimento sarà più che assicurato!
Forse non molto il lavaggio della macchina il giorno successivo, ma questo è solo un dettaglio!
Il 4×4 è d’obbligo qua, rischierete di rimanere incastrati in qualche buca o di forare una gomma come ridere, quindi mi raccomando, un minimo di precauzione portatela sempre con voi!

Dopo qualche derapata tra il fango troviamo finalmente uno spot interessante per il nostro aperitivo, parcheggiamo la macchina in uno spiazzo sterrato, in mezzo a rocce, detriti, pezzi di automobili arruginite e vetri.
Ci piace abbastanza per organizzare il tutto e stappare le birre.
Alle nostre spalle una collinetta di ghiaia ci invita a salire, il tramonto sta per iniziare.
L’impresa è più ardua del previsto. Noi due con le infradito, le bottiglie di birra tra le mani, a scivolare nel tentativo di raggiungere la cima.

Ancora non mi è chiaro come ci siamo riusciti, sta di fatto che senza incidenti e con tante risate fino alle lacrime, siamo arrivati su.
Il cielo era nuovamente nuvoloso, bella vista indubbiamente ma questa volta davvero speravo nei colori di un tramonto arcobaleno.
Stiamo in silenzio per un po’, questo era il nostro patto: nessuno parli durante il tramonto.
Poi qualcosa cattura la nostra attenzione e ce ne dimentichiamo.
La regina dei cieli inizia a danzare sopra le nostre teste: è una Wedge-tailed Eagle, la maestosa aquila nera che popola il deserto.
Ci delizia della sua presenza per qualche minuto, probabilmente sta cacciando, per poi scomparire velocemente all’orizzonte.

Wedge-tailed Eagle, Alice Springs, Northern Territory
Wedge-tailed Eagle, Alice Springs, Northern Territory

Le avventure e gli hiking in Alice Springs finiscono qui per ora, prossimamente vi parlerò delle due maggiori escursioni da fare nel Red Centre in maniera un po’ più specifica.
Intanto, se volete scoprire di più come si vive nel deserto australiano, vi lasco alla lettura di questo articolo qui!

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *